Sfere della Magia

Le sfere della magia

Le sfere della magia vennero forgiate nella prima era durante la prigionia dei nani nella fortezza del Himgoth, con lo scopo di creare una fonte inesauribile di potere magico, che emulasse la magia degli dei e permettesse a Itandarel di tornare ad essere potente.
Nelle sfere venne quindi infuso il Potere Arcano, in ogni sua forma.
Il primo tentativo venne fatto su un’unica sfera, che esplose appena venero a confluire in essa due flussi di magia opposti. Così decisero di forgiarne una per ogni flusso magico in modo da evitare che si venissero a creare altre conflagrazioni distruttive. Alla fine del lavoro, gli elfi grigi, ancora sotto l’incantesimo di Nordus, si resero conto che le sfere non potevano essere tenute vicine, in poi che esisteva un legame ben determinato tra di esse.
Himgoth fece costruire quindi 8 torri della magia, messe in cerchio secondo l’allineamento dei flussi, in modo da creare una anello di magia potentissimo, con al centro la sua fortezza. Qui la Pietra Nera attingeva potere e permetteva a Himgoth di tornare ad essere potente.
Fu il periodo peggiore per Agobald, furono gli anni del dominio incontrastato del Dio Caduto, nulla potevano gli dei contro la malvagia morsa di Himgoth.
Il cerchio magico però venne infranto durante la quarta battaglia, dove Tamars, in sella al drago d’Argento, volò fino alla torre dell’Invocazione e la distrusse, causando uno squilibrio tra il flusso di magia delle torri che scatenò una reazione a catena devastante, che fu la rovina di gran parte di Agobald, terremoti e inondazioni, tempeste ciclopiche e frane. Il vecchio continente si distrusse e fu solo grazie all’intervento di Irminsul che Agobald esiste ancora.

Sfere della Magia

Dorlin's Bane ZioHal